Food and Beverage

Come pulire e sfilettare lo scorfano: i passaggi da seguire per pulirlo al meglio

Come pulire e sfilettare lo scorfano: i passaggi da seguire per pulirlo al meglio

Lo scorfano è un pesce che vive sul fondo e che può raggiungere grosse dimensioni, la sua carne è molto polposa e soda e il suo sapore è delicato e gustoso. Con lo scorfano è possibile realizzare tante ricette sfiziose, oltre a zuppe, primi piatti e deliziosi fumetti per donare sapore alle pietanze. Lo scorfano è presente nelle acqua del Mediterraneo e dell’Atlantico e la varietà più pregiata è lo scorfano rosso che ha la testa grande e le pinne dotate di creste e spine. Per la preparazione delle vostre ricette è però fondamentale saper pulire e sfilettare lo scorfano alla perfezione, un procedimento che può sembrare complesso ma che è facile effettuare seguendo passo, passo tutte le indicazioni. Munitevi di guanti, per evitare di pungervi con le spine, e preparatevi a pulire il vostro scorfano, per realizzare delle deliziose ricette di pesce.

Come pulire e sfilettare lo scorfano.

Adagiate il vostro scorfano su un piano di lavoro (1) e cominciate a pulirlo: incidete il ventre con il coltello affilato partendo dalla testa fino ad arrivare alla coda, ed estraete le interiora. Ora sciacquate il pesce sotto acqua corrente per eliminare ogni residuo e procedete poi a tagliare le pinne, quella del ventre, quella pettorale e dorsale. Dopo questa operazione potete squamare il vostro scorfano con il coltello partendo dalla coda fino ad arrivare alla testa, eseguite l’operazione con cura per eliminare tutte le squame, e sciacquatelo di nuovo sotto acqua corrente per eliminare tutti i residui. Cominciate ora con le operazioni di sfilettatura: incidete lo scorfano lungo il dorso , in modo da aprire lo scorfano in due in modo orizzontale. Sfilettate aprendo lo scorfano con le mani e facendo scorrere la lama del coltello in modo da staccare il primo filetto.(2) Procedete allo stesso modo anche dall’altro lato. In questo modo avrete ricavato i filetti utili per le vostre ricette. Potete anche eliminare la pelle facendo scorrere la lama affilata tra la carne e la pelle. I vostri filetti di scorfano sono pronti per essere utilizzati.(3)

Consigli.

Prima di acquistare lo scorfano assicuratevi che abbia il ventre sodo, la pelle liscia e lucida e gli occhi brillanti e sporgenti: tutti indicatori di freschezza del pesce.

Utilizzate sempre dei guanti di protezione in quanto le spine presenti sullo scorfano potrebbero procurarvi dei tagli, soprattutto se siete poco pratici con la pulizia e la sfilettatura del pesce. Inoltre la pinna caudale, così come le protuberanze presenti sullo scorfano, sono urticanti e potrebbero provocare bruciore. Scegliete dei guanti in lattice o quelli appositi per pulire il pesce.

Prima di procedere alla sfilettatura potete anche asportare la testa, per rendere l’operazione più agevole.

Una volta pulito lo scorfano potete utilizzare gli scarti per realizzare un delizioso fumetto per insaporire le vostre pietanze. Una volta preparato potete anche congelarlo e utilizzarlo all’occorrenza per le vostre preparazioni.

Come conservare lo scorfano.

Una volta pulito e sfilettato lo scorfano l’ideale sarebbe cucinarlo subito, potete però conservarlo in frigo per 1 giorno in un contenitore ermetico, oppure congelarlo in freezer fino a 3 mesi.

Fonte: Come pulire e sfilettare lo scorfano: i passaggi da seguire per pulirlo al meglio

Post Comment